Autoimprenditorialità in agricoltura, nuovo bando ISMEA a sportello

Autoimprenditorialità in agricoltura, nuovo bando ISMEA a sportello

I giovani agricoltori, e gli aspiranti tali, hanno una nuova occasione per presentare la propria domanda di agevolazioni per autoimprenditorialità e ricambio generazionale nel settore primario, con particolare attenzione al Mezzogiorno. Da alcuni giorni, infatti, è possibile accedere al portale ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) per accedere ai contributi previsti per il subentro (cessione di un’azienda a un’impresa a totale o prevalente partecipazione giovanile) o per ampliamenti e ammodernamenti di aziende già condotte da giovani. In entrambi i casi, gli investimenti massimi ammissibili non possono superare la cifra di 1,5 milioni di euro concedibili con mutuo a tasso 0 per il 75% delle spese ammissibili. Gli agricoltori di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, coerentemente con quanto previsto dalle misure di “Resto al Sud”, potranno ottenere un contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile e un mutuo a tasso 0 di importo non superiore al 60% della stessa. Le agevolazioni copriranno investimenti diretti al miglioramento della rendita aziendale, delle infrastrutture e dell’ambiente naturale; rientrano, così, fra le spese ammissibili studi di fattibilità, analisi di mercato, opere agronomiche ed edilizie, allacciamenti, impianti, macchinari, attrezzature, oneri per concessioni, acquisti di terreni, beni pluriennali, servizi di progettazione. Per richiedere i finanziamenti, a sportello, le imprese devono accreditarsi al portale ISMEA e presentare in via telematica la domanda di ammissione, una copia di un documento di riconoscimento e lo studio di fattibilità del progetto di subentro o di ampliamento aziendale.

« torna indietro