Danni da influenza aviaria, tutto pronto per gli indennizzi alle imprese

Danni da influenza aviaria, tutto pronto per gli indennizzi alle imprese

Da poche settimane è operativo il regolamento approvato dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali sugli indennizzi a favore delle imprese danneggiate dai focolai di influenza aviaria rilevati in Italia tra l’aprile 2016 e il settembre 2017. I criteri per la concessione degli aiuti attengono il valore di mercato degli animali abbattuti, soppressi o morti, e le perdite di produzione e reddito dovute a obblighi di quarantena o difficoltà di ripopolamento e reimpianto. Si tratta di una misura di sostegno di tipo eccezionale approvata dal Comitato di gestione della Commissione Europea, che partecipa nella misura del 50% alle spese sostenute. Il provvedimento prevede lo stanziamento di 11,1 Milioni di euro, cui si aggiungerà una pari cifra a carico del bilancio nazionale. Tali fondi saranno diretti a finanziare interventi che favoriscano la ripresa dell'attività economica e produttiva delle imprese del settore avicolo, rafforzando i sistemi di sorveglianza e prevenzione dell'influenza aviaria. Le risorse saranno ripartite sulla base delle richieste regionali e destinate a imprese non coperte da polizze assicurative agevolate sul rischio di mancato reddito. I contributi saranno concessi fino a un massimo dell’80% del danno rilevato a causa della malattia, a seguito degli opportuni accertamenti. Per accedere ai fondi, le Regioni, sentiti i territori interessati, dovranno inoltrare comunicazione al Ministero entro 90 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. Una volta approvata la dichiarazione di effettiva eccezionalità dell’evento, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’elenco dei territori danneggiati, le imprese avranno 45 giorni di tempo per presentare la domanda di aiuto alle autorità regionali competenti.

« torna indietro