“Resto al Sud”, domande dal 15 gennaio

“Resto al Sud”, domande dal 15 gennaio

Dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Decreto e l’entrata in vigore lo scorso 6 novembre 2017,parte dal 15 gennaio la possibilità di iscriversi online al bando “Resto al Sud”. La misura, gestita da Invitalia, ha l’obiettivo di incentivare i giovani all'avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. I beneficiari di questo progetto sono giovani under 35 residenti o no nelle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) che vogliano iniziare un’attività o lo abbiano già proprio nel sud Italia. Per quanto riguarda i non residenti, è obbligatorio, da bando, trasferire la propria residenza in una delle regioni elencate entro 60/120 giorni dalla data in cui verrà loro comunicata l’ammissibilità. Le attività finanziate non riguardano solo l’agricoltura, ma anche industria, artigianato e pesca. Le spese ammesse ad essere finanziate, per un limite massimo pari al 30%, riguardano l’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, programmi informatici e servizi informatici relativi alla gestione dell’impresa, spese legate al capitale circolante con riferimento all’attività svolta dall’impresa (per un massimo del 20% del programma di spesa), materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione eventuali, assicurazioni. La cifra massima finanziata è pari a 50 mila euro per ogni richiedente, con un 35% a fondo perduto e un 65% erogato tramite finanziamento a tasso zero. Non sono previste modalità di invio diverse dalla procedura online.

« torna indietro