La raccolta dell'uva entra nel vivo!

La raccolta dell'uva entra nel vivo!

Questi giorni di settembre, in cui il clima torrido dell'estate si acquieta e diventa più mite, rappresentano il momento in cui entra nel vivo la raccolta dell'uva.

Giunte alla piena maturazione le gemme che fioriscono dai grappoli, producendo gli acini via via più maturi, ecco che tra agosto e settembre sono pronti per essere raccolti.

Naturalmente il tempo della raccolta, che in alcuni casi può cominciare già da luglio, dipende da molteplici fattori: dal territorio geografico, dalle condizioni climatiche, dalla composizione del terreno e anche dalle diverse tipologie di uva e di vino che si vorranno ottenere.

Il processo, che va avanti fino a novembre, comporta così un'accurata conoscenza e analisi dell'uva fino al raggiungimento delle condizioni ottimali per la raccolta.

Raccolta che avviene secondo due modalità: meccanica e manuale.

La raccolta manuale, svolta direttamente dagli operatori, con carrelli e contenitori, è un processo più lungo e meticoloso volto alla produzione di vini e spumanti di alta qualità. Ciò che determina anche un valore economico del prodotto più alto.

Per quella meccanica, ad operare saranno invece le macchine vendemmiatrici a scuotimento orizzontale e verticale, tecnica che agevola il distacco dei grappoli ormai maturi. L'utilizzo delle macchine garantisce un lavoro più veloce e meno dispendioso, con un notevole abbattimento dei costi del prodotto finale.

Quello che stiamo vivendo è dunque un periodo molto affascinante, che più di ogni altro disegna il lavoro di cura e valorizzazione di un prodotto che madre natura ci dona, affinché diventi dolcezza per ogni palato.

« torna indietro